COME RAGGIUNGERE LE SEYCHELLES, LA NOSTRA ESPERIENZA.

Mahé è l’isola principale delle Seychelles, dove atterrano i voli intercontinentali e dove ha avuto inizio la nostra vacanza.

Siamo arrivati a Mahé a bordo di un velivolo dell’Ethiopian Airlines, compagnia mai sperimentata prima. Avevamo letto su internet che stavano promuovendo una nuova tratta, Malpensa-Mahè, a prezzi davvero allettanti. Non volendo farci sfuggire l’occasione abbiamo chiamato subito il servizio clienti della compagnia aerea senza nemmeno aspettare che la tratta fosse disponibile sul sito. Eravamo incontenibili!Considerate che le altre compagnie per la stessa tratta proponevano costi maggiori, dai 200 ai 400 euro in più rispetto a quanto abbiamo pagato con l’Ethiopian. C’è da dire anche che la prenotazione è fatta solo due mesi prima della partenza, consigliamo di prenotare ancora prima per avere tariffe agevolate. Quindi in men che non si dica, con una telefonata, avevamo acquistato 2 biglietti per le Seychelles a 534€ a testa, andata e ritorno. Ovviamente a quel prezzo non potevamo pretendere un servizio alla pari delle altre compagnie più blasonate, se siete persone che si accontentano potete tentare altrimenti vagliate altre soluzioni.

Il volo è stato tranquillo, per fortuna che la tratta non è lunghissima perché le sedute sono un po’ strette e scomode. Il cibo che ci hanno servito era particolarmente speziato, anche qui dipende dai gusti. L’intrattenimento da migliorare, infatti i monitor a disposizione erano in comune, collocati in mezzo al corridoio centrale, uno ogni sei file, senza la possibilità di poter cambiare canale. Il personale a bordo è stato sempre gentile e disponibile.

Siamo partiti da Malpensa e la tratta Milano-Seychelles era divisa da uno scalo ad Addis Abeba, 3 ore e mezza all’andata e 4 ore al ritorno. All’andata tutti i santi aiutano, non si vede l’ora di arrivare ed il tempo ci è volato. Diversamente è stato per il ritorno, quelle 4 ore sono state interminabili, l’aeroporto è piccolo e spoglio di negozi, non c’era la possibilità di distrarci per ingannare il tempo. Nonostante questo l’attenzione ogni tanto veniva catturata quando il terminal si animava dopo l’atterraggio di altri voli. Avremo visto passare così tante culture tutte dallo stesso corridoio, cittadini dello stesso Paese ma di usi e costumi diversi, vuoi per la religione, vuoi per la provenienza da tribù differenti. E’ stato interessante, i cinesi in ogni caso non mancano mai.

Se prima di arrivare alle Seychelles transitate dall’Africa l’accesso vi sarà consentito solamente se esibirete il certificato internazionale di vaccinazione o profilassi della febbre gialla.

Aerei Ethiopian Airlines

TRASFERIMENTI TRA LE ISOLE.

Una volta arrivati a Mahé potrete decidere di fermarvi o proseguire, da qui partono i collegamenti con le altre isole. Il nostro itinerario includeva anche le famose isole di Praslin e La Digue, ma dato che il nostro volo era atterrato nel tardo pomeriggio non potevamo che pernottare a Mahè non essendoci più traghetti in partenza a quell’ora.
A tal proposito è bene dare una sbirciatina sui siti delle compagnie che effettuano servizi di collegamento tra le isole prima di partire, vi aiuterà ad organizzarvi al meglio e non rimanere spiazzati.  Il link che segue è della Cat Cocos, noi abbiamo prenotato tramite questa compagnia direttamente da casa http://www.catcocos.com/ .

Abbiamo optato per il traghetto per due motivi: innanzitutto è sempre la soluzione più economica e poi  adoriamo stare in barca, osservare la città ed il porto che pian piano si fanno sempre più piccoli, fissare l’orizzonte alla ricerca di delfini, farci accarezzare dal vento che sembra aiutarci a lasciare indietro tutti i pensieri ingombranti. Ma soprattutto non soffriamo di mal di mare! E’ importante specificarlo perché, se invece è il vostro caso, tenete conto che nella tratta da Mahé a Praslin solitamente le onde si fanno sentire. Noi siamo stati abbastanza fortunati.

Eventualmente ci si può spostare anche con voli interni, non si risparmierà in denaro ma sicuramente in termini di tempo si.

Quando prenotate un alloggio solitamente vi viene organizzato anche il trasporto dall’aeroporto, o dal porto, al luogo dove avete deciso di soggiornare. Se l’argomento non viene affrontato non dimenticate di chiedere informazioni per definire la questione durante lo scambio di mail in fase di prenotazione.

A Bordo del Cat Cocos

A bordo del Cat Cocos.

COME SPOSTARSI A MAHE’.

In linea generale possiamo dire che muoversi alle Seychelles è piuttosto semplice anche se la guida è a destra e potrebbe confondere, in ogni caso le isole principali sono facili da girare in macchina. Presentano poche strade principali, ma asfaltate, che percorrono tutte le isole in lungo ed in largo. L’unica particolarità è l’eccezionale La Digue dove gli unici mezzi di trasporto, salvo qualche taxi e furgoncino locale, sono biciclette e carretti trainati da buoi, una realtà diversa che ti fa godere a pieno la realtà che ti circonda. Entriamo nello specifico.

A Mahé vi sono molte possibilità di noleggiare un mezzo di trasporto. All’aeroporto internazionale ed al porto principale, dove partono i traghetti per le altre isole, ci sono alcuni uffici di agenzie più o meno conosciute che noleggiano auto di ogni tipo, scooter, biciclette, etc… Il prezzo dell’auto si aggirava sui 20/25€ al giorno con assicurazione base inclusa, comunque consigliamo sempre di fare una piccola ricerca su internet, dove si trova sempre tutto, scegliendo in base al giusto rapporto prezzo e recensioni sull’agenzia. Purtroppo non riusciamo a darvi un nome specifico avendo effettuato la prenotazione del nostro mezzo tramite il nostro b&b. Il nostro consiglio spassionato è l’utilizzo dell’auto che vi da la possibilità di arrivare ovunque essendo un’isola abbastanza grande, evitando di annegare in un qualche improvviso acquazzone o di rimanere bloccati in qualche strada sabbiosa o estremamente ripida.

Victoria, la capitale, è un crocevia di stradine non facili da capire ma molto interessanti da osservare soprattutto per la sua diversità di persone ed edifici religiosi, molto interessante il mercato centrale. Quindi parcheggiate nei pressi del piccolo Big Ben e fatevi una bella passeggiata, i parcheggi sono gratuiti. Per tutte le altre attrazioni e le magnifiche spiagge di Mahé due principali strade circumnavigano l’isola: la Coast Road (si divide in North Coast, Sud Coast, West Coast e East Coast) e la Providence Hwy, una strada a più corsie che unisce l’aeroporto internazionale al porto principale costeggiando l’Eden Island, paradiso per soli ricchi.

Se non ve la sentite di noleggiare un’auto potrete utilizzare gli autobus, quale modo migliore per vivere a pieno l’isola provando qualcosa che di più locale non c’è! Mahé è ben servita e la rete dei trasporti serve gran parte dell’isola. Le fermate sono visibili, dotate di pensiline e segnalate da cartelli sulla strada. Percorsi ed orari sono disponibili presso gli uffici turistici ma sicuramente il gestore del vostro resort o albergo saprà darvi una mano.

Autobus locale

Autobus locale.

COME SPOSTARSI A PRASLIN.

Praslin è un’isola di medie dimensioni, il costo dell’auto qui sale rispetto a Mahé essendoci meno offerta. Si aggira intorno ai 30/40 euro al giorno compresa l’assicurazione base. Di solito sono gettonatissime dai resort che le noleggiano per i propri clienti. Se pensate di prendere un auto muovetevi per tempo altrimenti dovrete ripiegare su uno scooter, sicuramente a prezzi più bassi, ma a nostro parere una scelta sbagliata.

Lo scooter sull’isola di Praslin è un rischio, credeteci, soprattutto la sera poichè alcune strade vengono attraversate da enormi granchi di terra diretti verso il mare, probabilmente a farsi un bagno notturno. Inoltre le strade sabbiose e non perfettamente asfaltate non aiutano a guidare sulle due ruote.

Il parco Valle de Mai lo si raggiunge comodamente in auto, si trova leggermente in altura e nella parte nord dell’isola.

Anche Praslin è servita da un servizio di trasporto pubblico efficiente e gli orari sono sempre disponibili presso gli uffici turistici che si trovano presso il porto e l’aeroporto.

COME SPOSTARSI A LA DIGUE.

Come vi abbiamo già anticipato, a La Digue le opportunità si riducono all’utilizzo di biciclette. Solitamente vengono date in dotazione comprese nel prezzo dell’alloggio, meglio verificare al momento della prenotazione. Qui non circolano auto, giusto qualche taxi e furgoncini sgangherati adibiti al trasporto delle merci, quindi le possibilità sono due: o la si gira a piedi oppure su due ruote.

In ogni caso fate attenzione ai sorpassi ed ai contromano dei guidatori locali perché da queste parti il codice della strada non si prende troppo sul serio.

Per darvi un’idea delle sue misure, in una giornata si fa tranquillamente il giro dell’isola, i saliscendi non mancano ma a conti fatti La Digue è un’esperienza da vivere palmo a palmo.

A spasso per La Digue.

 

LA BELLE SERAPHINA, ESPERIENZA UNICA.

Vi suggeriamo una soluzione alternativa via mare per la traversata da Mahè a La Digue e viceversa, è la Bella Seraphina. Si tratta di una nave mercantile, informatevi sui giorni nei quali percorre questa tratta, solitamente parte alle 5 di mattina da La Digue ed alle 11.30 da Mahè, il tragitto dura di 3 ore.

E’ un’alternativa molto più economica rispetto al solito traghetto, vi costerà intorno ai 10€ e vi regalerà emozioni, garantito.

Per qualche dettaglio in più perché non date un’occhiata al nostro itinerario di viaggio?